Casa natale di Antonio Rosmini

Residenza rustico-signorile con una biblioteca storica di circa 15.000 volumi

In questa casa nacque nel 1797 Antonio Rosmini, filosofo di fama internazionale.

La residenza rustico-signorile sorgeva al tempo in aperta campagna, fuori dalla cinta muraria. L’attuale concezione architettonica è dovuta all’ingegnere Mascanzani, che si attenne ad un disegno dell’architetto Ambrogio Rosmini, zio del grande pensatore.

Visita l’interno del palazzo, arricchito dagli arredi originali, tra cui la stanza natale di Antonio, l’appartamento dello zio Ambrogio e la Sala degli Specchi. Il vero gioiello è la biblioteca storica, che spazia in ogni campo del sapere e vanta all’incirca 15.000 volumi. Integrano il patrimonio di Casa Rosmini una cospicua raccolta di stampe antiche ed una notevole quadreria, quest’ultima ammirabile nella visita alla casa, prodotte entrambe dalla passione per l’arte dell’architetto Ambrogio.

Vi è conservata la prima edizione del Fermo e Lucia di Alessandro Manzoni, fraterno amico del filosofo di Rovereto. Sappiamo, da un appunto redatto di suo pugno, che a Rosmini il titolo non piacque. Forse fu dunque su suo suggerimento che Manzoni lo mutò poi nei “Promessi sposi”.

Proprio di fronte all’edificio, al centro di un piccolo giardino, ammira l’imponente monumento che Rovereto ha dedicato al suo figlio più illustre.

Puoi visitare la Casa natale di Antonio Rosmini previa prenotazione telefonica.

Info e mappa

Casa natale di Antonio Rosmini

Via Stoppani, 3
38068 Rovereto (TN)

T: +39 0464 420788

Richiedi informazioni

Richiedi info