Biotopo del Taio

Bird-watching nei pressi del fiume Adige

In Vallagarina, tra Trento e Rovereto, un luogo incantevole racconta una storia di oltre cento anni fa. Qui puoi ammirare splendidi uccelli migratori di passaggio.

Nel fondovalle della Vallagarina, nella zona che collega i comuni di Nomi, Volano e Calliano si estende il Biotopo del Taio, una zona paludosa di 4,5 ettari circondata da verdi vigneti.

Il nome Taio, che in dialetto trentino significa “taglio”, deriva proprio dalla modalità con cui fu ricavata questa zona alla fine dell’Ottocento. Qui l’Adige creava un’ampia ansa: era una delle maggiori zone umide di tutta da valle, nota negli ambienti scientifici locali come preziosa custode di rare specie vegetali e animali. Nonostante questa ricchezza, negli anni la zona venne sottoposta a numerosi interventi di rettifica, dei veri e propri “tagli” che ne ridussero la lunghezza per dare spazio a nuovi terreni per l’agricoltura. Fortunatamente negli anni novanta la zona venne ripristinata con un’attenzione specifica verso le esigenze dell’avifauna migratoria.

Oggi, lungo il percorso, una torretta in legno permette di osservare dall’alto la zona stagnante per scorgere gli uccelli locali che vivono nella vegetazione fra cui il germano reale, la folaga, la gallinella d’acqua e la cannaiola, ma anche le numerose specie esotiche che considerano il biotopo una comoda area di sosta durante gli spostamenti migratori.

Il biotopo è facilmente raggiungibile a piedi o in bicicletta da Nomi, Volano e Calliano lungo la soleggiata Ciclabile Adige, da dove è possibile ammirare anche l’antico Castel Pietra e il maestoso Castel Beseno che dall’alto del suo colle domina la valle.

Info e mappa

Azienda per il Turismo Rovereto e Vallagarina

Corso Rosmini, 21

38068 Rovereto (TN)

T: +39 0464 430363

info@visitrovereto.it
www.visitrovereto.it/

Social:

Richiedi informazioni

Richiedi info