Cimitero militare austro-ungarico di Geroli

Le memorie della Grande Guerra ancora vive sulle pendici del Pasubio

È passato un secolo, ma la pietà popolare non ha dimenticato quanti hanno perso la vita nella tragedia della Prima guerra mondiale. A Terragnolo in tempo di guerra sorsero ben otto cimiteri militari. Il più grande fu il Cimitero militare austro-ungarico di Geroli, situato nella omonima località, in cui, dal 1916 al 1918, furono scavate 470 sepolture, molte delle quali multiple. Dopo l’abbandono negli anni Settanta, in cui i caduti vennero traslati nel Sacrario monumentale di Castel Dante, il cimitero di Geroli è stato ora restaurato, recuperando e ricollocando cippi e targhette identificative che erano stati interrati.

Come raggiungerlo

Il cimitero si trova nella frazione Geroli, che si raggiunge in macchina percorrendo prima la S.P. n. 138 della Borcola fino a località Maureri e poi scendendo a destra sulla strada comunale che passa per frazione Sega e poi risale verso Geroli.

Otto Piccoli Camposanti

Nel Comune di Terragnolo alla fine della guerra si trovarono otto cimiteri, fra questi il più grande era a Geroli, e circa settanta piccoli gruppi di salme militari sparse. Nel cimitero di Geroli l’Austria aveva censito a fine guerra 734 salme, fra questi 381 sconosciuti. Dopo il 1919 per una decina d’anni ci fu la ricerca dei morti in tutta la Valle. Le salme dei piccoli cimiteri di Borcola, Zoreri, Piazza, Valduga, Busa Bisorte, Baisi e Sega vennero riesumate e trasportate in parte a Geroli e la maggior parte al sacrario di Casteldante a Rovereto.  Nel 1921 il Commissario civile del Distretto Politico di Rovereto chiese al Comune di Terragnolo di esumare tutti i caduti italiani del Regio esercito e della Regia Marina, così rimasero a Geroli solamente i soldati dell’esercito imperial regio.

I defunti del Cimitero di Geroli

Nel 1929 il Commissario Onoranze Salme Caduti di Guerra distaccamento di Rovereto restituì al Comune di Terragnolo l’elenco dei caduti e la pianta del cimitero di Geroli, dove risultavano sepolti in 470 tombe contraddistinte da cippi in cemento con targhetta nominativa e piccola croce in rilievo, ben 492 soldati noti (404 austriaci, 76 ungheresi, 9 russi e 3 rumeni) e 366 sconosciuti.

Il recupero della memoria

Recentemente il Comune e il Gruppo Alpini di Terragnolo hanno ripristinato e recuperato questo luogo della memoria ed oggi gli Alpini ne curano la manutenzione.

Scarica l’audio guida gratuita 

Info e mappa

Comune di Terragnolo

www.comune.terragnolo.tn.it

Ingresso

Per escursioni guidate sui luoghi della Grande Guerra contatta gli Accompagnatori di Territorio: email accompagnatorivallagarina@gmail.com

Richiedi informazioni

Richiedi info